Per i genitori che non svolgono l’attività lavorativa in modalità agile, che non usufruiscono di congedo parentale e con figli conviventi minori di 14 anni di età,  da oggi è possibile inviare le domande di voucher baby-sitting per il periodo 04/01/2021-30/06/2021.

Domanda
La domanda deve essere inviata telematicamente dal sito Inps
Inoltre, è necessario iscriversi in qualità di utilizzatore nel Libretto di Famiglia. Il baby sitter invece, dovrà iscriversi nel libretto di famiglia in qualità di prestatore.

Per quali motivi è possibile richiedere il voucher
– Per sospensione dell’attività didattica in presenza del figlio;
– Per tutta la durata dell’infezione da SARS Covid-19 del figlio;
– Per tutta la durata della quarantena del figlio disposta dal Dipartimento di prevenzione della azienda sanitaria locale (ASL) territorialmente competente;

Lavoratori interessati
– Lavoratori autonomi artigiani, commercianti, coltivatori diretti;
– Lavoratori iscritti in via esclusiva alla Gestione Separata INPS;
– Lavoratori autonomi iscritti alle casse professionali;
– Lavoratori dipendenti solo del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico e operatori sanitari (medici, infermieri, tecnici di laboratorio biomedico, tecnici di radiologia medica, operatori sociosanitari, soccorritori e autisti/urgenza 118, medici di base, pediatri)

Lavoratori esclusi
Lavoratori dipendenti del settore privato, insegnanti e tutte le categorie di lavoratori non citate nell’elenco di cui sopra.

Importo
Il bonus spetta nel limite di 100 € lordi settimanali (75,00 € netti ca.) e viene erogato dall’Inps mediante il Libretto Famiglia direttamente al lavoratore baby sitter (o direttamente al lavoratore richiedente se richiesto per centri estivi; servizi integrativi per l’infanzia; servizi socio-educativi territoriali; centri con funzione educativa e ricreativa; servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia).

Incompatibilità
Per beneficiare del voucher nessuno dei genitori deve beneficiare di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa quali NASpI, CIG, ecc. Inoltre non deve esserci altro genitore disoccupato, non lavoratore, che lavora in smart working, sospeso dal lavoro o che usufruisce del congedo parentale.
Per le stesse settimane per cui si richiede il voucher non è possibile richiedere il bonus asilo nido.

Nonni
Non è ancora chiaro se il bonus baby sitter previsto nel 2021 potrà essere riconosciuto anche per prestazioni rese dai familiari, come i nonni. Per avere ulteriori chiarimenti sarà necessario aspettare una circolare Inps.

Documentazione richiesta
Per inviare la domanda è necessario raccogliere le seguenti informazioni e documenti:

Per genitore richiedente
Indirizzo residenza
Comune
Provincia
Cap
Cell.
E-mail
Stato civile
Attività lavorativa (commerciante, artigiano, ingegnere, ecc.)

Per figlio
Dichiarare se residente con il genitore richiedente: Si I No (Se no, non è possibile richiedere il voucher)
Codice fiscale
Cognome
Nome
Denominazione istituto scolastico
Classificazione istituto scolastico (Statale, paritaria, comunale, privata, centro assistenziale)
Tipologia istituto scolastico (Nido, Infanzia, Primaria, Secondaria di 1° o 2° grado)
Classe frequentata (1, 2, 3, 4, 5)
Indirizzo istituto scolastico
Comune istituto scolastico
Provincia istituto scolastico
Codice meccanografico istituto scolastico (https://cercalatuascuola.istruzione.it/cercalatuascuola)
Partita Iva istituto scolastico

Per l’altro genitore
Codice fiscale
Cognome
Nome
Dichiarare se residente con il genitore richiedente e il figlio: Si I No
Dichiarare che l’altro genitore non è disoccupato ed è un lavoratore: Si I No
Dichiarare che l’altro genitore è un disabile grave inabile al lavoro: Si I No
Dichiarare che la prestazione lavorativa dell’altro genitore non è svolta in modalità agile: Si I No
Attività lavorativa svolta (Autonomo, dipendente, ecc.)
Codice Fiscale o Partita Iva del datore di lavoro

Periodi richiesti e motivo
Settimane richieste (Sempre dal Lunedì alla Domenica; Es: dal 5 all’11 aprile)
Motivo richiesta: Malattia del figlio, sospensione attività didattica, quarantena del figlio