Pubblicato in data 17 marzo in Gazzetta Ufficiale il tanto atteso decreto ”Cura Italia” che introduce misure di sostegno alle famiglie e alle imprese necessario per contrastare la diffusione del Covid-19 e dare un reale sostegno al paese. Di seguito le principali novità introdotte:

Misure per lavoratori
Salva stipendi per i dipendenti

In caso di sospetto contagio da Coronavirus i lavoratori (sia pubblici che privati) saranno messi in quarantena precauzionale poiché venuti a contatto con soggetti ai quali è stato diagnosticato il Coronavirus. I lavoratori verranno considerati come se fossero in malattia. In deroga alle disposizioni vigenti, gli oneri saranno totalmente a carico dello Stato.
La quarantena dovrà essere giustificata da un certificato del medico.

Misure per lavoratori e imprese
Cassa Integrazione anche in Deroga fino a 9 settimane

Estensione delle misure speciali in tema di ammortizzatori sociali per tutto il territorio nazionale (anche per le imprese con 1 solo dipendente). I datori di lavoro che sospendono o riducono l’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da Covid-19, possono presentare domanda di concessione del trattamento ordinario di integrazione salariale o di accesso all’assegno ordinario con causale “emergenza Covid-19”, per un periodo massimo di nove settimane.

Misure per lavoratori
Bonus per lavoratori autonomi e stagionali

Per i lavoratori autonomi (anche in co.co.co.) e per i lavoratori stagionali previsto un contributo una tantum di 500,00 € per coloro che hanno un reddito inferiore ai 50.000,00 € lordi annui. Bisognerà attendere un decreto attuativo per conoscere le modalità con cui sarà possibile fare domanda. Istituito anche un Fondo di “ultima istanza” per i lavoratori che hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro, e che nel corso del 2019 hanno prodotto un reddito da lavoro non superiore a 10.000,00 €. Criteri di priorità e modalità di attribuzione sono demandati ad un successivo decreto del Ministro del Lavoro.

Misure per lavoratori
Bonus di 100,00 € una tantum

Previsto un bonus da 100,00 € per i lavoratori dipendenti, pubblici e privati, con reddito complessivo non superiore a 40.000,00 € lordi annui, che, durante il periodo di emergenza sanitaria Covid 19, continuino a prestare servizio nella sede di lavoro nel mese di marzo 2020. Il premio non concorre alla formazione della base imponibile, ai fini delle imposte dirette, ed è ragguagliato ai giorni in cui il lavoro è prestato nella sede ordinaria. Il bonus è attribuito, in via automatica, dal datore di lavoro, che lo eroga se possibile con la retribuzione relativa al mese di aprile, e comunque entro i termini previsti per le operazioni di conguaglio.

Misure per le famiglie
Nuovo congedo parentale retribuito al 50%

I genitori lavoratori che hanno i figli a casa a seguito della chiusura delle scuole potranno chiedere per un periodo continuativo o frazionato comunque non superiore a 15 giorni il nuovo congedo parentale da usufruire alternativamente tra madre e padre e retribuiti al 50%. Tale possibilità è prevista per figli fino a 12 anni di età. Per figli da 12 a 16 anni di età non è previsto alcun indennizzo ma sarà comunque possibile rimanere a casa. Queste misure non hanno limitazioni di età nel caso di famiglie con un disabile. I suddetti periodi sono coperti da contribuzione figurativa. La medesima indennità è estesa ai genitori lavoratori autonomi iscritti all’INPS ed è commisurata, per ciascuna giornata indennizzabile, al 50 per cento della retribuzione convenzionale giornaliera stabilita annualmente dalla legge, a seconda della tipologia di lavoro autonomo svolto.  Tale prestazione è in alternativa al nuovo voucher baby-sitter. L’accoglimento della domanda è subordinata alla condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa o altro genitore disoccupato o non lavoratore. Le modalità operative saranno stabilite dall’INPS.

Misure per le famiglie
Voucher baby-sitter

I genitori di bambini con meno di 12 anni che sono rimasti a casa per la chiusura delle scuole potranno richiedere un buono da 600,00 € al mese per pagare la baby-sitter. L’importo sale a 1.000,00 € per le famiglie mono genitoriali e per sanitari e ricercatori. Per ottenere il voucher Inps entrambi i genitori devono lavorare e la baby-sitter deve essere regolarmente assunta. Per mettere in regola la baby sitter si deve fare riferimento al CCNL del Lavoro Domestico (di colf e badanti). Queste misure non hanno limitazioni di età nel caso di famiglie con un disabile. Il bonus viene erogato mediante il libretto famiglia. Le modalità operative saranno stabilite dall’INPS. Tale prestazione è in alternativa al nuovo congedo parentale.

Misure per lavoratori e imprese
N
uove scadenze fiscali per le imposte

Posticipate tutte le scadenze dei versamenti fiscali di lunedì 16 marzo al 31 maggio 2020 per le imprese più colpite dal coronavirus (dello sport, comprese le palestre, dell’arte e della cultura come teatri e cinema, del trasporto, ristorazione, educazione e assistenza). Alla ripresa della riscossione, i versamenti sospesi saranno effettuati, senza sanzioni e interessi, in un’unica soluzione o con un massimo di 5 rate mensili a partire da maggio 2020. Stop anche alle cartelle esattoriali e al pagamento delle sanatorie fiscali, dalla rottamazione ter al cosiddetto saldo e stralcio fino a giugno 2020.

Misure per lavoratori e imprese
Stop rate dei m
utui per 4-6 mese

Rafforzamento del fondo “Gasparrini” che prevede la possibilità per i lavoratori in Cassa Integrazione di sospendere il pagamento delle rate dei finanziamenti fino a 18 mesi. Possibile sospendere per 4-6 mesi il pagamento delle rate. Per farlo basterà una autocertificazione che attesta le difficoltà economiche. Le rate però, andrebbero comunque saldate o con una ulteriore rateizzazione delle somme o con un allungamento delle scadenze dei prestiti e dei mutui.

Misure per le famiglie
La L. 104/92 sale da 3 a 12 giorni

La legge 104/92 (quella che permette, tra l’altro, di avere 3 giorni di congedo per chi deve accudire un disabile o una persona che ha bisogno di cure), sarà portata a 12 giorni per i mesi di marzo a aprile 2020.

Misure per lavoratori
Sospensione termini di impugnazione dei licenziamenti

A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto l’avvio delle procedure di licenziamento è precluso per 60 giorni e nel medesimo periodo sono sospese le procedure pendenti avviate successivamente alla data del 23 febbraio 2020. Sino alla scadenza del suddetto termine, il datore di lavoro, indipendentemente dal numero dei dipendenti, non può recedere dal contratto per giustificato motivo oggettivo.

Stop controlli reddito di cittadinanza

Sospensione per 2 mesi di controlli e colloqui per coloro che beneficiano dell’assegno del reddito di cittadinanza.

Misure per lavoratori
Settore agricolo

Agli operai agricoli a tempo determinato, non titolari di pensione, che nel 2019 abbiano effettuato almeno 50 giornate effettive di attività di lavoro agricolo, è riconosciuta un’indennità una tantum pari a 500,00 €. L’indennità di cui al presente articolo non concorre alla formazione del reddito.
La domanda di disoccupazione agricola per l’anno 2019 può essere presentata entro il 1° giugno 2020 (e non entro il 31/03/2020).

Misure per lavoratori
Proroga termini presentazione domande disoccupazione

Possibile presentare entro 128 giorni (e non entro 68 giorni) dalla cessazione del rapporto di lavoro, la domanda di disoccupazione NASpI e DIS-COLL per gli eventi di cessazione involontaria dall’attività lavorativa verificatisi a decorrere dal 1° gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2020. Sono altresì ampliati di 60 giorni i termini previsti per la presentazione della domanda di incentivo all’autoimprenditorialità. Inoltre, a decorrere dal 23 febbraio 2020 e sino al 1° giugno 2020 il decorso dei termini di decadenza relativi alle prestazioni previdenziali, assistenziali e assicurative erogate dall’INPS e dall’INAIL è sospeso di diritto ed i termini di prescrizione.

______________________________________

Scarica il testo del Decreto Legge