Grazie al supplemento della pensione chi continua a lavorare dopo la pensione, è possibile aumentare la quota mensile chiedendo un ricalcolo.

Quanto spetta e come fare la domanda

Se dopo la pensione si riprende a lavorare, continuando così a versare i contributi, è possibile chiedere un supplemento dell’assegno così da aumentarne l’importo.

Ci sono delle tempistiche precise per la richiesta del supplemento. In particolare è previsto un termine ordinario e uno breve, del quale però si può beneficiare una sola volta:

  • OGNI 5 ANNI SI PUO’ CHIEDERE UN RICALCOLO PER SUPPLEMENTO
  • SOLO DOPO 2 ANNI (PER UNA SOLA VOLTA NELLA VITA) AL RAGGIUNGIMENTO DELL’ETA’ PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA

Importo

L’importo del supplemento dipende dai contributi versati dal pensionato che ha continuato a lavorare. Per il calcolo dell’importo del supplemento si tiene conto del periodo nella quale questa è stata accreditata la contribuzione successiva al pensionamento.

Quindi, per i contributi riferiti al periodo precedente al 31 dicembre 1995 si utilizza il sistema retributivo; se il titolare però entro questa data ha maturato 18 anni di contributi beneficerà del sistema retributivo fino al 31 dicembre del 2011. Dal 2012 in poi (o dal 01/01/1996 per coloro che al 31/12/1995 hanno meno di 18 anni di contribuzione) il sistema di calcolo è puro contributivo.